Intelligenza artificiale e pubbliche amministrazioni

responsabilità dei dipendenti pubblici
impiegati statali lavoro e controversie giuridiche con consulenza online

Gli algoritmi utilizzati nei software dell’intelligenza artificiale possono far commettere agli uffici delle pubbliche amministrazioni che oggi più che mai hanno il dovere di controllarli per evitare discriminazione e arbitrarietà nella gestione dei servizi erogati alla cittadinanza.

Per capire se un algoritmo discrimina, ad esempio, è necessario sapere quali caratteristiche vengono utilizzate per selezionare i cittadini che per ipotesi sono in attesa di ricevere un sussidio pubblico.

Si pone il problema tuttavia, se questi dati devono essere resi disponibili o meno in quanto potrebbero aiutare i truffatori a eludere i sistemi e truffare qualcuno.

Ma se le regole che si applicano devono essere pubbliche, le pubbliche amministrazioni devono comunicare cosa e come controllano i dati?

In Olanda l’orientamento della PA è il seguente: una condizione importante per ciò è la trasparenza sugli algoritmi e il loro utilizzo”, ha scritto la responsabile di dicastero, la sottosegretaria  Alexandra van Huffelen. “Il registro degli algoritmi può contribuire in modo significativo a rendere più comprensibile l’applicazione e l’esito degli algoritmi.

Voi cosa ne pensate?

Comments

No comments yet. Why don’t you start the discussion?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *