Dipendenti pubblici a tempo determinato

Al personale assunto a tempo determinato si applica il trattamento economico e normativo previsto dalla contrattazione collettiva vigente per il personale assunto a tempo indeterminato, compatibilmente con la natura del contratto a termine con alcune precisazioni.
Infatti i dipendenti pubblici a tempo indeterminato fruiscono di diritti più ampli rispetto agli impiegati statali a tempo.

Le ferie maturano in proporzione alla durata del servizio prestato, entro il limite annuale stabilito per i lavoratori assunti per la prima volta nella pubblica amministrazione, ad eccezione del lavoratore che abbia prestato servizio per più di tre anni.

Assenze per malattia tra impiegati pubblici a tempo determinato

In caso di assenza per malattia i periodi nei quali spetta il trattamento economico intero e ridotto sono stabiliti in misura proporzionalmente rapportata al periodo in cui è corrisposto il trattamento economico, salvo che non si tratti di periodo di assenza inferiore a due mesi. In quest’ultimo caso il trattamento economico è corrisposto comunque in misura intera.

I permessi retribuiti e non, possono essere concessi nel pubblico impiego se si ha un contratto a tempo determinato?

Si, possono essere concessi permessi non retribuiti per motivate esigenze fino a un massimo di 15 giorni complessivi. Oltre a quelli non retribuiti possono essere concessi permessi retribuiti in occasione del matrimonio;

Eccezioni per i lavoratori pubblici che hanno un rapporto di lavoro di almeno 6 mesi continuativi.

Per i lavoratori pubblici che hanno un rapporto di lavoro di almeno 6 mesi continuativi, compreso eventuali proroghe sono previsti permessi retribuiti per lutto, per motivi personali o familiari, permessi per visite specialistiche, esami, prestazioni diagnostiche, permessi per esami e concorsi e permessi per diritto allo studio.

Il numero massimo annuale delle ultime quattro tipologie di permessi deve essere riproporzionato in relazione alla durata temporale nell’anno del contratto,salvo il caso dei permessi per lutto.

contratto-a-tempo-indeterminato-e-determinato

Sono comunque fatte salve tutte le altre ipotesi di assenza dal lavoro stabilite da specifiche disposizioni di legge per i lavoratori dipendenti, compresa la legge n.53/2000, ivi compresi i permessi per lutto nei casi di rapporto di durata inferiore a sei mesi. Gli enti pubblici in ogni caso assicurano ai lavoratori assunti con contratto di lavoro a tempo determinato interventi informativi e formativi, con riferimento sia alla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, secondo le previsioni del D. Lgs. n. 81/2008, sia alle prestazioni che gli stessi sono chiamati a rendere, adeguati all’esperienza lavorativa, alla tipologia dell’attività ed alla durata del contratto.

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: